Autore Topic: Art. 254 - Regolamentazione Specifica Vetture di Produzione Gruppo N  (Letto 4929 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline No Fear

  • Maniaco Del Forum
  • ****
  • Post: 6079
Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

ART. 254 – REGOLAMENTAZIONE SPECIFICA
VETTURE DI PRODUZIONE (GRUPPO N)


1 DEFINIZIONE

Vetture da turismo di grande produzione di serie.

2 OMOLOGAZIONE

Queste vetture devono essere state prodotte in almeno 2500 esemplari interamente identici in 12
mesi consecutivi, e omologate dalla FIA come Vetture da Turismo (Gruppo A)
Le Varianti di Fornitura (VF) della fiche Vetture da Turismo (Gruppo A) sono ugualmente valide per
le Vetture di Produzione (Gruppo N).
Tutte le varianti di produzione (VP) sono valide nelle Vetture di Produzione (Gruppo N)
Le Varianti Opzione (VO) della fiche Vetture Turismo (Gruppo A) non saranno valide sulle Vetture
di Produzione (Gruppo N) salvo che riguardino:
-volano motore dello stesso diametro e dello stesso peso di quello originale se, e solamente se,


questo volano originale è costituito da due parti;
-volano motore per cambio di velocità automatico;
-serbatoio carburante;
-cambio di velocità automatico;
-tetto apribile, (compresi i tettucci apribili a deflettore);
-armatura di sicurezza;
-supporto e ancoraggio dei sedili;
-punti di ancoraggio delle cinture;
-versione 2/4 porte.
Le Varianti Opzione Super Produzione (SP) non saranno valide per le Vetture di Produzione
(Gruppo N).
I serbatoi omologati come VO sulla fiche di omologazione Turismo (Gruppo A) devono essere
utilizzati nelle condizioni previste dall'Art. 255-5.9.2 del Regolamento Turismo (Gruppo A) e
dall'Art. 254-6.8.
Le evoluzioni del tipo (ET), le varianti kit (VK) così come le evoluzioni sportive (ES) omologate in
Gruppo A non sono valide per le Vetture di Produzione (Gruppo N).
Tuttavia le Evoluzioni del Tipo e le Evoluzioni Sportive omologate in Gruppo A a partire dal
01/01/97 saranno valide in Gruppo N

3 NUMERO DEI POSTI

Queste vetture devono comprendere almeno 4 posti, secondo le dimensioni definite per le Vetture
da Turismo (Gruppo A).

4 MODIFICHE E AGGIUNTE AUTORIZZATE O OBBLIGATORIE

Tutte le modifiche non espressamente autorizzate sono vietate.
I soli lavori che possono essere effettuati sulla vettura sono quelli necessari alla sua normale
manutenzione o alla sostituzione di pezzi deteriorati per usura o per incidente.
I limiti delle modifiche e montaggi autorizzati sono qui di seguito specificati.
Al di fuori di queste autorizzazioni, ogni pezzo deteriorato per usura o per incidente non può
essere sostituito che da un pezzo d'origine identico al pezzo danneggiato.
Le vetture dovranno essere strettamente di serie e identificabili dai dati precisati negli articoli della
fiche d'omologazione.


5 PESO MINIMO

Le vetture dovranno avere almeno il peso precisato sulla fiche di omologazione.
Questo è il peso reale della vettura vuota (senza persone o bagaglio a bordo), senza attrezzi né
cric e con al massimo una ruota di scorta.
Nel caso siano trasportate nella vettura 2 ruote di scorta, la seconda ruota di scorta dovrà essere
tolta prima della pesata.
Tutti i serbatoi di liquidi (lubrificazione, raffreddamento, frenaggio, riscaldamento se esiste),
devono essere al livello normale previsto dal costruttore ad eccezione dei serbatoi del lavavetro e
lavafari, del sistema di raffreddamento dei freni, del carburante e del sistema d'iniezione d'acqua


Pagina 1 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

che devono essere vuoti.
I fari supplementari che non figurano sulla fiche d'omologazione, devono essere tolti prima della
pesata.


5.2

Unicamente per i rally, il peso minimo della vettura (nelle condizioni previste dall’articolo 254-5.1)
con l’equipaggio (pilota + copilota + l’equipaggiamento completo del pilota e del copilota) sarà:
Peso minimo definito all’art 254-5.1 + 150 Kg. Inoltre, il peso definito all’art 254-5.1 deve
ugualmente essere rispettato.

6

6.1 Motore
-E’ permesso togliere gli schermi in materia plastica che servono a nascondere gli elementi
meccanici del compartimento motore aventi solo una funzione estetica.

-E’ permesso asportare il materiale di insonorizzazione e le guarnizioni non visibili dall’esterno
fissate sotto il cofano motore
E' permesso sostituire o raddoppiare il cavo di comando dell'acceleratore con un altro
proveniente o meno dal costruttore. Il secondo cavo deve essere un cavo di scorta, cioè deve
essere montato in parallelo al cavo dell’acceleratore di serie.
Se il veicolo di serie è equipaggiato con una valvola a farfalla motorizzata, può essere utilizzato
un kit di valvola a farfalla a comando meccanico omologato per il Gruppo N.

-E’ permesso cambiare la viteria a condizione di conservare il materiale ferroso.

Accensione:

libertà per la marca e il tipo delle candele, per il limitatore di giri e per i cavi ad alta tensione.
La centralina elettronica e i suoi pezzi relativi all'accensione sono liberi, inoltre il sistema deve
essere meccanicamente intercambiabile con la centralina originale.
Il cablaggio d’origine deve essere conservato e non può essere modificato.
I sensori e gli attuatori lato entrata non devono essere modificati, così come la loro funzione.
Nessun sensore può essere aggiunto neppure per registrare dei dati. E’ vietato aggiungere un
interruttore sul cablaggio d’origine fra la centralina elettronica ed un sensore od un attuatore
Nel caso di un modello equipaggiato con un sistema elettrico multiplex, è permesso utilizzare il
cablaggio elettrico così come la centralina elettronica omologata in Variante-Opzione.
-E’ vietato qualsiasi sistema di acquisizione dei dati salvo che la vettura omologata non ne sia


provvista.
Può essere utilizzato solo il sistema di acquisizione dati di cui è equipaggiata di serie la vettura.
Non potranno in alcun caso essere modificati o registrati dei parametri supplementari.
E’ autorizzato solamente aggiungere i seguenti sensori:
Temperatura dell’acqua, temperatura dell’olio, pressione dell’olio e regime motore.
Ciascun sensore potrà essere collegato unicamente ad uno o più visori (con la possibilità di
registrare i dati) per mezzo di un cablaggio completamente indipendente da tutti gli altri cablaggi.

Sistema di raffreddamento:

Il termostato è libero,come la temperatura e il sistema di comando di disinserimento del ventilatore.
Si può prevedere qualunque sistema di chiusura del tappo del radiatore.

Carburatori:

Il sistema originale deve essere mantenuto.
Gli elementi del carburatore che regolano il dosaggio della quantità di benzina ammessa nella
camera di combustione possono essere modificati purché non abbiano alcuna influenza
sull'immissione dell'aria.
Le cartucce dei filtri dell’aria di ricambio sono accettate così come quelle originali.


Iniezione:

Il sistema originale deve essere mantenuto.
Gli elementi del sistema di iniezione situati dopo il dispositivo di misurazione d’aria che regolano il
dosaggio della quantità di benzina ammessa nella camera di combustione possono essere
modificati, ma non soppressi purché non abbiano alcuna influenza sull'immissione dell'aria.
La centralina che regola l'iniezione è libera.


Pagina 2 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

Le entrate nella centralina (sensori, attuatori, ecc.), inclusa la loro funzione, devono restare di
serie.
E’ vietato aggiungere un interruttore sul cablaggio d’origine fra la centralina e un sensore od un
attuatore.
Le uscite della centralina devono conservare le loro funzioni originali secondo la fiche di
omologazione.
Nel caso di un modello equipaggiato con un circuito elettrico multiplex, è permesso di utilizzare il
cablaggio elettrico così come la centralina elettronica omologati in Variante Opzione.
Bisogna assicurarsi che i sensori utilizzati sul veicolo munito di un circuito elettrico multiplex
possano essere conservati con il cablaggio elettrico omologato.
Gli iniettori possono essere modificati o sostituiti per modificarne la portata, ma non il loro principio
di funzionamento né il loro fissaggio.
E’ permesso sostituire il collettore di iniezione con un collettore a concezione libera ma dotato di
raccordi avvitati destinati a connettervi le canalizzazioni ed il regolatore di pressione della benzina,
a patto che il fissaggio degli iniettori sia identico a quello originale.
Le cartucce dei filtri dell’aria di ricambio sono accettate così come quelle originali.


Lubrificazione:

Il montaggio di labirinti all'interno della coppa dell'olio è autorizzato.
Le cartucce del filtro olio di ricambio sono accettate così come quelle di origine.
Per i motori turbocompressi, è possibile sostituire le tubazioni della lubrificazione del turbo con
delle tubazioni conformi all’art 253-3.2. Queste tubazioni possono essere equipaggiate di raccordi
rapidi.


Supporti del motore e della scatola del cambio:

Devono essere originali od omologati.
Se i supporti sono originali, il materiale degli elementi elastici è libero.


Scarico:

Sarà possibile sia togliere l'interno dei silenziatori originali, sia modificare lo scarico a partire dal
primo silenziatore verso l’uscita, essendo le dimensioni massime del condotto quelle del tubo
situato a monte del primo silenziatore (vedi disegno n. 254-3 e l’art 328p della Fiche di
omologazione di gruppo N).


Se il tubo d’origine è doppio, a monte del primo silenziatore, il diametro esterno massimo del
nuovo condotto deve corrispondere ad una sezione identica a quella dei due tubi.
Per le vetture turbocompresse, è possibile modificare lo scarico dalla flangia di fissaggio dello
scarico sul turbocompressore, la sezione massima dello scarico è pari al diametro d’entrata nel
primo silenziatore di serie. La giunzione fra la flangia di fissaggio dello scarico sul
turbocompressore ed il condotto di scarico può essere conica.
Qualora esistano due entrate nel primo silenziatore la sezione del condotto modificato dovrà
essere uguale o inferiore al totale delle due sezioni d'origine.
L'uscita dello scarico dovrà essere formata da un solo tubo, salvo eventualmente se è utilizzato il
pezzo originale.
L'uscita dovrà essere situata allo stesso posto dello scarico originale.
Queste libertà non dovranno comportare delle modifiche di carrozzeria e dovranno rispettare la
legislazione del paese dove si svolge la gara per quanto concerne i livelli sonori.
I pezzi supplementari per il montaggio dello scarico sono autorizzati.
Un silenziatore è una parte del sistema di scappamento destinata a ridurre il livello di rumore dello
scarico della vetture.
La sezione del silenziatore deve essere uguale almeno al 170% della sezione del tubo di entrata e
deve contenere del materiale fonoassorbente. Il materiale fonoassorbente deve avere la forma di

Pagina 3 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

un tubo perforato al 45% o di un involucro sintetico.
La lunghezza del silenziatore deve essere compresa tra le 3 e le 8 volte il suo diametro di entrata.
Il silenziatore deve essere un pezzo saldato ad un tubo, considerando che questo tubo non fa
parte del silenziatore.
Il catalizzatore è considerato come silenziatore e può essere spostato.
Se è fissato direttamente sul collettore, il catalizzatore può essere sostituito con un pezzo conico
della stessa lunghezza e con gli stessi diametri in entrata e in uscita.
Dopo questo pezzo lo scarico sarà libero con un diametro della tubazione al massimo uguale a
quello dell'uscita del catalizzatore.
Se il catalizzatore fa parte integrante del collettore di scarico è possibile togliere unicamente la
parte interna del catalizzatore.
Le sonde lambda possono essere soppresse unicamente se fanno parte della parte libera del
sistema di scarico


Guarnizione della testata:

Il materiale è libero ma non lo spessore.

Sistema di controllo della velocità di crociera:

Può essere disinserito.

Solo per i Rally:

il numero dei cilindri è limitato a sei.


La cilindrata è limitata come segue:
a)
Motori atmosferici
-3 litri massimo per i motori con due valvole per cilindro;
-2,5 litri massimo per i motori con di più di due valvole per cilindro.


b)
Motori sovralimentati
La cilindrata nominale è limitata a 2500 cm2 massimo.
Il sistema di sovralimentazione dovrà essere quello del motore omologato.
Tutte le vetture sovralimentate devono avere una flangia fissata al carter del compressore.
Tutta l'aria necessaria all'alimentazione del motore deve passare attraverso questa flangia, che
dovrà rispettare quanto segue:
Il diametro massimo interno della flangia è di 32 mm. mantenuto su una lunghezza minima di 3
mm misurata verso valle a partire da un piano perpendicolare all'asse di rotazione e situato a 50
mm massimo a monte delle estremità le più a monte delle pale della ruota (vedi disegno 254-4).



Pagina 4 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

1. Foro per brida o brida/carter di compressione
2. Foro per carter di compressione o carter/flangia
3. Foro per carter centrale o carter/flangia
254-4

Questo diametro deve essere rispettato con qualsiasi temperatura.
Il diametro esterno della flangia a livello della strozzatura deve essere inferiore a 38 mm. ed
essere mantenuto su una lunghezza di 5 mm. da una parte e dall'altra del collo sonico.
Il montaggio della flangia sul turbocompressore deve essere effettuato in modo tale che sia
necessario togliere interamente due viti dal corpo del compressore o dalla flangia per poter
smontare la flangia dal compressore.
Non è autorizzato il montaggio mediante viti ad ago.
Per installare questa flangia è autorizzato togliere del materiale dal carter del turbocompressore e
di aggiungerne al solo scopo di assicurare il fissaggio della flangia sul carter del compressore.
Le teste delle viti di fissaggio devono essere forate allo scopo di poterle piombare.
La flangia deve essere costituita di un solo materiale e non può essere forata che per il suo
fissaggio e la piombatura che deve poter essere effettuata tra le viti di fissaggio, tra la flangia (o il
fissaggio flangia/carter di compressione), il carter di compressione (o il fissaggio carter/flangia) e il
carter della turbina (o il fissaggio carter/flangia) (vedi disegno 254-4).
Nel caso di un motore a due compressori in parallelo ciascun compressore è limitato a un diametro
massimo di entrata di 22,6 mm.


c)
Motori diesel
per i veicoli a motore diesel la flangia dovrà avere una dimensione massima interna di 35 mm. ed
una dimensione esterna di 41 mm. alle condizioni di cui sopra (questo diametro può essere rivisto
in ogni momento e senza preavviso).
Nel caso di un motore a due compressori in parallelo ciascun compressore è limitato a un diametro
massimo di entrata di 22,7 mm ed un diametro esterno di 28,7 mm nelle condizioni sopra riportate
Questa flangia obbligatoria nei Rally e non è vietata nelle altre prove, se un concorrente decide di
utilizzarla.


6.2 Trasmissione
6.2.1 Frizione
Il disco è libero compreso il peso, ad eccezione del numero.
Il diametro del disco della frizione può essere aumentato.

6.2.2 Scatola del cambio
L’interno della scatola del cambio è libero.
Il numero dei denti ed i rapporti omologati per il Gruppo N devono essere conservati.
I giunti d’articolazione di comando del cambio sono liberi.
La griglia delle velocità omologata sul modello di serie deve essere conservata


6.2.3 Differenziale
L’utilizzazione di un differenziale autobloccante di tipo meccanico è autorizzato a condizione che
possa essere sistemato nel carter di serie ed essere omologato in Variante Opzione (VO).
Gli angoli delle rampe ed il numero dei dischi non potranno essere modificati rispetto al
differenziale di serie od al differenziale omologato come Variante Opzione (VO). Tuttavia può
essere modificato lo spessore dei dischi

Pagina 5 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

L’interno del carter del differenziale originale può essere modificato per permettere il suo
montaggio.
Per differenziale a scorrimento limitato meccanico, si intende ogni sistema funzionante solo
meccanicamente, cioè senza l’aiuto di un sistema idraulico o elettrico.
Un giunto viscoso non è considerato come un sistema meccanico.
Se il veicolo omologato è equipaggiato con una giunto viscoso, potrà conservarlo ma non sarà
possibile aggiungere un altro differenziale.
Se il veicolo è equipaggiato di serie di un differenziale a controllo elettronico, la centralina di
controllo è libera ma deve essere interamente intercambiabile con la scatola d’origine (cioè il
differenziale deve funzionare sostituendo la nuova centralina con quella di serie)
I sensori e gli attuatori lato entrata non devono essere modificati, nemmeno le loro funzioni
Non può essere aggiunto nessun sensore nemmeno per l’acquisizione dati.
Il cablaggio non può essere modificato

6.2.4 Semi-assi
Devono essere originali od omologati in Variante Opzione (VO)

6.3 Sospensione
E’ vietata la modifica della regolazione delle molle e degli ammortizzatori dall’abitacolo.
Il rinforzo degli elementi strutturali della sospensione (eccetto le barre anti-rollio) e dei suoi punti di
ancoraggio è autorizzato tramite l’aggiunta di materiale.
I rinforzi di sospensione non devono creare dei corpi cavi ne permettere di unire due pezzi distinti
tra loro.


Molle

I piattelli delle molle possono essere resi regolabili se la parte regolabile fa parte degli piattelli ed è
distinta dagli altri pezzi originali della sospensione e del telaio (detta parte può essere tolta).
Molle elicoidali:
sono liberi la lunghezza, il numero delle spirali, il diametro del filo, il diametro esterno, il tipo di
molla (progressiva o meno), e la forma dei piattelli della molla.
Il numero delle molle e dei piattelli è libero a condizione che le molle siano montate in serie.
Molle a balestra:
sono liberi la larghezza, la lunghezza, lo spessore e la curvatura verticale.
Barre di torsione:
il diametro è libero.
Queste libertà delle molle della sospensione non autorizzano a disattendere l'art. 205 della fiche di
omologazione (altezza minima centro mozzo ruota, apertura del passaggio ruota).


Ammortizzatori

Liberi, purché il numero, il tipo (telescopico, a braccio, etc.), il principio di funzionamento (idraulico,
a frizione, misto etc.) e i punti di attacco siano conservati.
L’utilizzazione di cuscinetti a guida lineare è vietata. E’ autorizzata solo l’utilizzazione di supporti
lisci
La verifica del principio di funzionamento degli ammortizzatori sarà effettuato come segue:
Dopo aver smontato le molle o le barre di torsione, il veicolo deve abbassarsi fino a fine corsa in
meno di 5 minuti.
I serbatoi degli ammortizzatori potranno essere fissati sulla scocca non modificata della vettura.
Se gli ammortizzatori possiedono delle riserve di fluidi separate che si trovano nell’abitacolo o nel
baule, se questo non è separato dall’abitacolo, queste devono essere solidamente fissate e
ricoperte da una protezione.
Un silent-block può essere sostituito con un'articolazione "Uniball" soltanto nel caso che
l'ammortizzatore non abbia funzioni di guida.
Unicamente per i rally che si svolgono in continente africano, un silent-block può essere
rimpiazzato con un’articolazione uniball anche se l’ammortizzatore ha funzione di guida.
Gli ammortizzatori a gas saranno considerati riguardo al principio di funzionamento come
ammortizzatori idraulici.
Ammortizzatori di sospensioni tipo Mac Pherson
Nel caso in cui per sostituire un elemento di sospensione tipo Mac Pherson o di una sospensione
che funziona in maniera identica sarà necessario cambiare l'elemento telescopico ed/o il gambo di

Pagina 6 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

foza (ammortizzatore e sistema di collegamento al porta-mozzo), i nuovi pezzi dovranno essere
meccanicamente equivalenti ai pezzi d'origine e avere gli stessi punti di attacco.
I piattelli delle molle delle sospensioni Mac Pherson possono avere forma libera. Il loro materiale è
libero.
In caso di sospensione oleo-pneumatica le sfere possono essere cambiate di dimensioni, di forma
e di materiale, ma non di numero.
Un rubinetto regolabile dall'esterno della vettura può essere montato sulle sfere.


Silent-block

Il materiale elastico di un silent-block può essere sostituito solamente da un materiale elastico
(durezza massima 80 shores).Tipo A

6.4 Ruote e pneumatici
6.4.1 Ruote :
Le ruote sono libere a condizione di rispettare il diametro omologato (art. 801 a) e la larghezza
massima omologata (art. 801b).
Sarà possibile utilizzare delle ruote di dimensioni inferiori.
Le ruote in magnesio forgiato sono vietate (ruote originali incluse).
Esse dovranno essere coperte dai parafanghi (stesso sistema di verifica del Gr. A, art. 255-5.4), e
la carreggiata massima indicata nella fiche d'omologazione deve essere rispettata.
Il cambio dei fissaggi delle ruote tramite bulloni con fissaggio tramite prigionieri e dadi potrà farsi a
condizione di rispettare il numero dei punti di attacco e il diametro delle parti filettate, come figura
sul disegno 254-1.



254-1

E’ permesso cambiare i dadi delle ruote a condizione di fabbricarli di materiale ferroso
Gli estrattori d’aria aggiunti sulle ruote sono vietati.

6.4.2 Pneumatici
Gli pneumatici sono liberi a condizione di poter essere montati su queste ruote
E’ vietato l’utilizzo di qualunque dispositivo che permetta al pneumatico di conservare le sue
prestazioni con una pressione interna uguale o inferiore alla pressione atmosferica.
L’interno del pneumatico (spazio compreso tra il cerchione e la parte interna del pneumatico) deve
essere riempita solo con aria.

6.4.3 Ruota di scorta
La (o le) ruota di scorta è obbligatoria se è menzionata nella fiche di omologazione.
La ruota di scorta potrà essere spostata all'interno dell'abitacolo a condizione di essere
solidamente fissata e di non essere installata nello spazio riservato agli occupanti.


6.5 Sistema di frenaggio
Ad eccezione delle modifiche autorizzate in questo articolo, il sistema di frenaggio deve essere
d’origine od omologato come Variante Opzione VO
La centralina di controllo del sistema di frenaggio è libera ma deve essere intieramente

Pagina 7 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

intercambiabile con la scatola d’origine (cioè l’impianto deve funzionare sostituendo la nuova
centralina con quella di serie)
I sensori e gli attuatori lato entrata non devono essere modificati, nemmeno le loro funzioni.
Non può essere aggiunto nessun sensore nemmeno per l’acquisizione dati.
Il cablaggio non può essere modificato
Le pastiglie dei freni sono libere così come il loro fissaggio (rivettate, incollate, ecc.), a condizione
che la superficie di frenaggio dei freni non sia aumentata.
Le lamiere di protezione possono essere tolte o piegate.
Nelle vetture equipaggiate con servofreno, questo dispositivo può essere disinserito o sostituito da
un kit omologato come Variante Opzione (VO)
Ciò vale anche per i sistemi anti-bloccaggio dei freni.
Nel caso in cui il sistema di anti-bloccaggio dei freni (ABS) sia disinserito o soppresso, l’utilizzo di
un ripartitore di frenata meccanico posteriore, omologato dal costruttore come VO, è autorizzato.
E’ autorizzato aggiungere una molla nei cilindretti delle pinze freno, sostituire le guarnizioni di
tenuta ed i parapolvere delle pinze
Le canalizzazioni dei freni possono essere sostituite da canalizzazioni di tipo aeronautico.
Può essere aggiunto un dispositivo per raschiare via il fango raccolto sul disco del freno e/o le
ruote.


6.5.1 Freno a mano
Il freno a mano meccanico può essere sostituito da un sistema idraulico omologato in Gruppo N
ma in questo caso è obbligatorio un circuito di frenaggio in diagonale (a X) od il sistema originale
E’ autorizzato modificare la posizione del sistema del freno a mano idraulico a condizione di
rimanere nel posizionamento omologato in Gruppo N (es. sul tunnel centrale …)

6.6 Sterzo
Le tubazioni che collegano la pompa dell’idroguida alla cremagliera dello sterzo possono essere
sostituite con delle tubazioni conformi all’art 253-3.2

6.7 Carrozzeria
6.7.1 Esterno
I coprimozzo delle ruote devono essere tolti.
Si possono montare dei proteggi-fari che non abbiano altro scopo che quello di coprire il vetro del
faro senza influire sulla aerodinamica della vettura.
Il montaggio di protezioni inferiori è autorizzato soltanto nei Rally, a condizione che siano
effettivamente delle protezioni, che rispettino l'altezza dal suolo, che siano smontabili e che siano
concepite esclusivamente e specificatamente al fine di proteggere i seguenti elementi: motore;
radiatore; sospensione; cambio; serbatoio; trasmissione; sterzo; scarico; bombola dell'estintore.
Soltanto anteriormente all’asse delle ruote anteriori, tali protezioni inferiori possono estendersi in
tutta la larghezza della parte inferiore dello scudo di protezione anteriore.
Il fissaggio dei paraurti sia anteriore che posteriore non può essere modificato (nessun fissaggio
può essere aggiunto)
E’ permesso aggiungere dei fissaggi supplementari (in più dei fissaggi d’origine che devono essere
conservati) per fissare i pezzi di carrozzeria (paraurti, estensioni dei parafanghi)
Può essere previsto qualsiasi sistema di bloccaggio del tappo del serbatoio del carburante.
E’ autorizzata la sostituzione dei tergicristalli anteriori e posteriori
I pezzi di insonorizzazione in plastica possono essere tolti dall’interno dei passaggi delle ruote.
Questi elementi in plastica possono essere cambiati con degli elementi in alluminio o in plastica
della stessa forma.
Possono essere tolti i pezzi in plastica di protezione fissati sotto alla scocca (sfiorati dai filetti fluidi
dell’aria).


6.7.2 Abitacolo
E’ autorizzato spingere indietro i sedili anteriori ma non oltre il piano verticale definito dallo spigolo
anteriore del sedile posteriore originale.
Il limite relativo ai sedili anteriori è costituito dalla parte alta del sedile senza il poggiatesta, e se il
poggiatesta è incorporato al sedile, dal punto più indietro delle spalle del conducente.
E’ permesso togliere i sedili posteriori.
Le cinture di sicurezza posteriori possono essere tolte.


Pagina 8 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

6.7.2.1

Nel caso in cui il serbatoio sia installato nel bagagliaio e siano tolti i sedili posteriori, un divisorio
ignifugo e stagno ai liquidi ed alle fiamme dovrà separare l’abitacolo dal serbatoio.
Nel caso di vetture a due volumi, sarà possibile utilizzare un divisorio non strutturale di plastica
trasparente ed ignifuga tra l’abitacolo e il posizionamento del serbatoio.


6.7.2.2 Cruscotto
Il cruscotto e la console centrale devono rimanere originali.

6.7.2.3 Portiere – Guarnizioni laterali
E’ permesso togliere dei materiali d’insonorizzazione delle portiere a condizione che il loro aspetto
non venga modificato.

a) E’ permesso togliere i pannelli di rivestimento delle porte così come le loro barre di protezione
laterale, con lo scopo d’installare un pannello di protezione laterale costituito da un materiale
composito non combustibile

 La configurazione minima di questo pannello deve essere conforme al disegno 255-14.


255-14

b)
Nel caso in cui la struttura originale delle porte non sia stata modificata (soppressione anche
parziale dei tubi di rinforzo), i pannelli delle porte possono essere realizzati con un foglio di
metallo di uno spessore minimo di 0,5 mm, in fibra di carbonio con uno spessore minimo di 1
mm o di un altro materiale solido e non infiammabile con uno spessore minimo di 2 mm

Le summenzionate regole si applicano in ugual modo ai pannelli di rivestimento posizionati sotto ai
vetri laterali posteriori delle vetture a due porte.
L’altezza minima del pannello di protezione laterale della portiera dovrà intendersi dal limite
inferiore della portiera all’altezza massima della traversa della porta.
E’ permesso sostituire l’alzacristalli elettrico con un alzacristalli manuale.
E’ permesso sostituire l’alzacristalli manuale con un alzacristalli elettrico


6.7.2.4 Pianale
I tappetini del pianale sono liberi e possono quindi essere tolti.

6.7.2.5 Altri materiali d’insonorizzazione e fregi decorativi
E’ permesso togliere i materiali d’insonorizzazione ed i fregi decorativi, eccetto quelli menzionati
negli articoli 254-6.7.2.3 (Portiere) e 254-6.7.2.2 (Pannello di comando).

6.7.2.6 Sistema di riscaldamento
Deve essere conservato l’apparecchio di riscaldamento originale.

Pagina 9 di 14
Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

I seguenti elementi di climatizzazione possono essere eliminati: condensatore e ventilatore
ausiliario, serbatoio di fluido, evaporatore e ventilatore dell’evaporatore, vaso d’espansione così
come i tubi, raccordi, interruttori, sensori ed attuatori necessari al funzionamento del sistema.
Solo nel caso in cui il sistema di trascinamento sia indipendente da tutti gli altri sistemi, sarà
possibile sopprimere il compressore del climatizzatore. Nel caso inverso la soppressione del
compressore del climatizzatore dovrà essere omologata con una VO
Il compressore può essere reso non operativo.
Se alcuni elementi sono comuni al sistema di riscaldamento devono essere conservati.

6.7.2.7

Nelle vetture a due volumi è permesso togliere il ripiano posteriore.

6.7.3 Accessori aggiuntivi
Sono consentiti, senza limitazione, tutti quelli che non incidono minimamente sul comportamento
del veicolo, come quelli che rendono l’abitacolo della vettura più estetico o di comfort
(illuminazione, riscaldamento, radio, ecc.).
Questi accessori non possono in alcun caso, neppure indirettamente, aumentare la potenza del
motore o avere un’influenza sulla guida, la trasmissione, la frenatura o la tenuta di strada.
La funzione di tutti i comandi deve restare quella prevista dal costruttore.
E’ permesso adattarli per renderli meglio utilizzabili o più facilmente accessibili; come per esempio
il prolungamento del comando del freno a mano, una soletta supplementare sul pedale del freno,
ecc.
E’ permesso quanto segue:
1) Gli apparecchi di misura, contatori ecc... possono essere installati o sostituiti con


eventualmente delle funzioni diverse. Un simile montaggio non deve presentare rischi.
Comunque l’indicatore di velocità non potrà essere tolto se ciò è impedito dal regolamento
particolare di gara.

2) Il segnalatore acustico può essere sostituito e/o se ne può montare uno addizionale a

disposizione del passeggero.
3) Il segnalatore acustico non è obbligatorio su strada chiusa.
4) Il meccanismo di bloccaggio della leva del freno a mano può essere tolto al fine di ottenere uno

sbloccaggio istantaneo ("fly-off handbrake").
5) Il volante è libero.
6) Il sistema di bloccaggio dell'antifurto sullo sterzo può essere reso inoperante.
7) Il meccanismo di sganciamento rapido deve consistere in una flangia concentrica all’asse del

volante, di colore giallo ottenuto tramite anodizzazione od altro rivestimento durevole, ed

installato sull’albero dello sterzo dietro al volante
8) Lo sganciamento deve avvenire tirando la flangia verso il volante
9) E' permesso aggiungere degli scomparti supplementari alla scatola dei guanti e delle tasche

supplementari alle portiere purché siano applicate ai pannelli originali.
10) Delle placche di materiale isolante possono essere montate al fine di proteggere i passeggeri o
le parti dal fuoco o dal calore.

6.7.4 Rinforzi
Barre antiavvicinamento o antiallontanamento possono essere montate sui punti di attacco della
sospensione alla scocca o al telaio dello stesso asse, da una parte all'altra dell'asse longitudinale
della vettura a condizione di essere smontabili ed imbullonate.
La distanza tra un punto di fissaggio della sospensione e un punto di ancoraggio della barra non
potrà essere superiore a 100 mm, salvo il caso di una barra trasversale omologata con la centina
di sicurezza e salvo il caso di una barra superiore fissata a una sospensione Mac Pherson o
similare.
In questo ultimo caso la distanza massima tra un punto di ancoraggio della barra ed il punto di
articolazione superiore sarà di 150 mm (disegni 255-2 e 255-4).
Al di fuori di questi punti questa barra non dovrà avere altri punti di ancoraggio sulla scocca o sugli
elementi meccanici.

Pagina 10 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )


255-2



255-4

Se il veicolo di serie è equipaggiato di una barra antiavvicinamento od antiallontanamento. E’
permesso sopprimere o sostituire la barra di serie con una barra conforme alle prescrizioni sopra
menzionate
I rinforzi della parte sospesa sono consentiti a condizione che si tratti di materiale che sposi la
forma d’origine e sia in contatto con essa

6.7.5

Se la ruota di scorta è montata di origine in un alloggiamento chiuso e se questa ruota è cambiata
con una più larga (vedi Art. 254-6.4) montata nello stesso alloggiamento, è possibile togliere parte
del coperchio dell'alloggiamento della ruota per una grandezza pari al diametro della nuova ruota
(vedi disegno 254-2).


254-2


Pagina 11 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

6.8 Sistema elettrico
Batteria
Marca, capacità e cavi della batteria sono liberi.
La tensione e l'ubicazione della batteria devono essere conservati.
All’interno dell’abitacolo è autorizzata una presa di energia connessa alla batteria.


Generatore

La sostituzione con un generatore di maggiore potenza è autorizzato.
Una dinamo non può essere sostituita da un alternatore e viceversa.

Sistema d'illuminazione

Sono autorizzati dei fari supplementari, ivi compresi i corrispondenti relais, a condizione che non
sia superato un totale di otto fari (escluse le luci o indicatori di posizione) nella misura in cui le leggi
del paese li consentano.
Questi non possono essere montati a incastro.
Il numero dei fari e delle varie luci esterne dovrà sempre essere pari.
I fari originali possono essere disattivati e coperti con nastro adesivo.
Essi possono essere sostituiti con degli altri nel rispetto del presente articolo.
Il montaggio di un faro di retromarcia è autorizzato a condizione che possa essere utilizzato solo
quando la leva del cambio è in posizione di “retromarcia” e sotto riserva di osservare i regolamenti
di polizia su questo argomento.
E' permesso aggiungere dei fusibili al circuito elettrico.


6.9 Circuito del carburante
Se il serbatoio originale era equipaggiato con una pompa elettrica e un filtro interno è possibile, nel
caso di utilizzazione di un serbatoio FT3 1999 o FT3,5 o FT5, o di un altro serbatoio omologato dal
costruttore nella fiche di omologazione della vettura, montare all'esterno un filtro e una pompa di
caratteristiche identiche a quelli omologati.
Questi pezzi dovranno essere protetti in modo adeguato.
Il montaggio di una pompa di benzina supplementare è autorizzato, ma questa deve essere
unicamente una pompa di benzina di soccorso, cioè non potrà funzionare come supplemento di
quella autorizzata. La si potrà connettere quando il veicolo è fermo e con l’aiuto di un dispositivo
puramente meccanico sistemato a fianco delle pompe.
I bocchettoni di riempimento non potranno essere posti sui vetri.
Le canalizzazioni della benzina dovranno essere cambiate con delle canalizzazioni di tipo
aeronautico se si utilizza un serbatoio FT3 1999 o FT3,5 o FT5; il percorso di queste
canalizzazioni è libero.
In caso di utilizzazione del serbatoio di serie questo cambiamento è facoltativo.
La capacità totale dei serbatoi non deve superare quella indicata nell'Art. 401.d della fiche di
omologazione di Gruppo N, eccetto per i rally, se la vettura è equipaggiata di serbatoi FT3 1999 o
FT3,5 o FT5.
In questo caso, la capacità totale dei serbatoi di carburante non deve superare i seguenti limiti, in
relazione alla cilindrata motore:

fino a 700 cm3 60 litri
oltre 700 cm3 fino a 1000 cm3 70 litri
oltre 1000 cm3 fino a 1400 cm3 80 litri
oltre 1400 cm3 95 litri

Per le vetture a due volumi omologate a partire dal 01.01.98 con un serbatoio nel bagagliaio, una
scatola resistente al fuoco, stagna alle fiamme e ai liquidi, dovrà contenere il serbatoio e i suoi
bocchettoni di riempimento.
Per le vetture a tre volumi, omologate a partire dal 01.01.98 una paratia resistente al fuoco, stagna
alle fiamme ed ai liquidi dovrà separare l’abitacolo dal serbatoio
Tuttavia, è consigliato sostituire questo divisorio stagno con una cassa stagna come per le vetture
a due volumi.

6.10 Cric e pistole ruote
I punti di sollevamento del cric possono essere rinforzati, cambiati di posto e aumentati di numero.

Pagina 12 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

Queste modifiche sono limitate esclusivamente ai punti di sollevamento. Del cric.
Il cric deve funzionare esclusivamente manualmente (azionato sia del pilota che dal copilota) vale
a dire senza l’aiuto di un sistema equipaggiato di una sorgente d’energia idraulica, pneumatica od
elettrica.
La pistola delle ruote non deve permettere di smontare più di un dado per volta

6.11 Armatura di sicurezza
L’armatura di tutte le vetture di una cilindrata corretta superiore a 2000 cm3 omologate dopo il 0101-
2006 deve essere omologata o certificata da una ASN od omologata dalla FIA

7 Vetture di cilindrata corretta superiore a due litri

I seguenti articoli si applicano solamente alle vetture la cui cilindrata corretta sia superiore a due
litri

7.1 Motore
7.1.1 Volano
Sarà possibile utilizzare il volano motore omologato in Variante Opzione VO di gruppo N

7.1.2 Sistema di raffreddamento
Sarà possibile utilizzare le canalizzazioni ed radiatore di raffreddamento omologato/e come
Variante Opzione VO di gruppo N

7.1.3 Acquisizione dati
E’ autorizzato un sistema di acquisizione dati anche se il modello di serie ne è sprovvisto.
Esso dovrà essere connesso unicamente:
-ai sensori di serie
-ai seguenti sensori che potranno essere aggiunti: temperatura d’acqua, temperatura olio,


pressione olio e regime motore.
E’ vietato qualsiasi scambio di dati con la vettura con metodi differenti da una connessione cablata

o scheda di memorizzazione.
1.4 Sistema anti-lag
Possono essere aggiunti un interruttore ed un cablaggio elettrico unicamente per l’azionamento di
un sistema anti-lag

7.2 Trasmissione
7.2.1 Frizione
Sarà possibile utilizzare uno spingidisco così come un comando omologato in Variante Opzione
VO di gruppo N.

7.2.2 Comando del cambio
Sarà possibile utilizzare il comando omologato in VO di gruppo N

7.2.3 Differenziale anteriore e posteriore
Sono autorizzati soltanto i differenziali autobloccanti di tipo meccanico a dischi.
I differenziali autobloccanti di tipo meccanico a dischi dovranno:
-sia provenire da un modello di serie
-sia essere omologati in Variante Opzione VO di gruppo N
Per differenziali autobloccanti di tipo meccanico s’intendono unicamente i sistemi funzionanti
meccanicamente, cioè senza aiuto di un sistema idraulico o elettrico.
Un giunto viscoso non è considerato come sistema meccanico.
E’ vietata qualsiasi gestione elettronica del differenziale.
Il numero ed il tipo di dischi sono liberi


7.2.4 Lubrificazione
Scatola del cambio e differenziale: E’ autorizzato l’uso di un dispositivo addizionale di lubrificazione
e di raffreddamento dell’olio a condizione di essere omologato in Variante Opzione VO

Pagina 13 di 14 Revisione FIA del 07-12-07


Articolo 254 – Regolamentazione specifica vetture di produzione (Gruppo N )

7.3 Sospensione
7.3.1 Piatti superiori di sospensione
Sarà possibile utilizzare i piatti superiori di sospensione omologati in Variante Opzione di gruppo N

7.3.2 Barre antirollio
Sarà possibile utilizzare il diametro delle barre antirollio omologate in Variante Opzione VO di
gruppo N

7.4 Freni
7.4.1 Dischi dei freni
Sarà possibile utilizzare i dischi freni omologati in Variante Opzione VO di gruppo N

7.4.2 Pinze freni
Sarà possibile utilizzare le pinze freno omologate in Variante Opzione VO di gruppo N

7.5 Ruote e pneumatici
Le ruote complete (come la carreggiata) sono libere a condizione di potersi alloggiare nelle
carrozzeria d’origine, ovvero la parte superiore della ruota completa, situata verticalmente al di
sopra del centro del mozzo, deve essere coperta dalla carrozzeria allorché la misura è effettuata
verticalmente
I fissaggi delle ruote effettuati con bulloni può essere cambiato liberamente con fissaggio con
prigionieri e dadi.
L’utilizzo di pneumatici motociclistici è vietato.
I cerchi devono essere obbligatoriamente costruiti in lega di alluminio od acciaio (all’infuori dei
cerchi da 8”x16” per i rally su asfalto)


.
Per i rally su terra la dimensione massima dei cerchi è 7”x15”
.
Se previsto dal Regolamento Particolare di Gara (ad esempio per i rally su neve) la dimensione


massima dei cerchi è 5,5”x16”
.
Per i rally su asfalto la dimensione massima dei cerchi è 8”x18”
.
Il materiale dei cerchi da 8” x18” è libero (a condizione che sia fuso)
.
Il peso minimo di un cerchio da 8”x18” è di 8,9 Kg
Gli estrattori d’aria aggiunti sulle ruote sono vietati.

7.6 Sterzo
Un radiatore dell’olio del servo sterzo è autorizzato a condizione di essere omologato in variante
opzione

7.7 Vetri posteriori
Nel caso di vetture a 4 o 5 porte, il meccanismo alza-vetri dei vetri posteriori potrà essere sostituito
da un dispositivo destinato a bloccare i vetri posteriori in posizione chiusa

Pagina 14 di 14 Revisione FIA del 07-12-07



Offline Attila

  • Socio Fondatore MCC
  • Maniaco Del Forum
  • *****
  • Post: 3282
Re: Art. 254 - Regolamentazione Specifica Vetture di Produzione Gruppo N
« Risposta #1 il: Gennaio 24, 2009, 14:49:43 »
Stikazzi...il post + lungo nella storia dell'MCC :eek:

Offline No Fear

  • Maniaco Del Forum
  • ****
  • Post: 6079
Re: Art. 254 - Regolamentazione Specifica Vetture di Produzione Gruppo N
« Risposta #2 il: Gennaio 24, 2009, 16:16:35 »
Stikazzi...il post + lungo nella storia dell'MCC :eek:
Eh eh..è niente a confronto delle 1124 pagine dell'annuario Csai.  ;)